TUTTO SINCRO - il sito per conoscere il mondo del nuoto sincronizzato  
 

 Camp. ital. primaverile   Home Superiore Mondo sincro Sommario Regole privacy

 
 

Home
Superiore

 

Sito in collegamento
NON UFFICIALE alla

Federazione Italiana Nuoto

 


Lo sapevate che....

 

1) A provare la qualificazione ai campionati primaverili 2013 sono state in tutta Italia 634 atlete ma 94 non ce l'hanno fatta, mentre in 26 avrebbero acquisito il punteggio di qualificazione ma poi non si sono iscritte. Siamo un po' più precisi... non è preciso scrivere che "non si sono iscritte" ma, effettivamente, non sono state iscritte dalle loro società prevalentemente perché nelle loro rispettive società era già stato raggiunto il numero massimo di iscrizioni ammesse (14). In questo modo si assiste a società (moltissime!) che darebbero "oro" per avere un numero sufficiente di atlete per formare una squadra da 4 atlete e società (pochissime ma nelle solite note blasonate società) fanno rinunciare loro iscritte perché ne hanno troppe qualificate. Sarebbe una assurdità da correggere in qualche modo.

 

2) In ogni regione solo poco più di 6-7 atlete non ce l'hanno fatta ad acquisire il punteggio per la partecipazione ai primaverili, e questo vuol dire che la selezione a livello regionale è stata particolarmente esigua. Fatte le Stelline, acquisita sostanzialmente la qualificazione ai primaverili: ma allora a cosa serve effettivamente il punteggio di qualificazione? Se la commissione tecnica nazionale fosse coerente con le sue strategie dovrebbe per lo meno innalzare di altri pt 1,000 il limite per spingere ad un più elevato livello tecnico ai campionati nazionali ed attivare effettivamente una selezione regionale "oltre" il brevetto Stelline

 

3) dopo aver recuperato i dati regionali abbiamo voluto comparare la media di valutazione assegnata dai giudici in regione con quella emersa sul campo nazionale. Ecco il risultato emerso:

 

Regione

N° Atl

Media Pt nazionale

Media Pt di Miglior Pt regionale Differenza
LAZIO 83 59,289 59,938 -0,649
LOMBARDIA 76 60,061 59,943 0,118
VENETO 65 59,387 58,787 0,600
TOSCANA 49 56,868 56,923 -0,054
LIGURIA 46 58,660 59,463 -0,804
SICILIA 28 58,554 62,007 -3,454
EMILIA ROMAGNA 28 56,094 58,458 -2,364
PIEMONTE 24 56,904 53,385 3,519
ABRUZZO 18 51,852 56,266 -4,414
SARDEGNA 16 56,238 60,410 -4,172
MARCHE 13 57,992 59,592 -1,599
PUGLIA 11 54,825 56,815 -1,991
FRIULI VG 4 51,157 55,932 -4,776
Totale complessivo 461 58,137 58,857  

 

Abbiamo volutamente escluso dalla nostra tabella le ultime 3 classificate in quanto siamo a conoscenza che per loro sono sorti problemi eccezionali che hanno influenzato la loro specifica gara.
 

Nella tabella appare evidente l'equazione più numerose sono le atlete agonistiche in una regione più i giudici sono formati e risultano allineati alle valutazioni dei nazionali. Come in qualsiasi sport i giudici (soprattutto i più giovani) dovrebbero testarsi con maggiore frequenza proprio per migliorare la propria esperienza nell'applicare le regole FINA note da sempre. Una cosa è leggerle e memorizzarle nella teoria ed un'altra cosa è applicarle sul campo. Questa formazione dei giudici regionali auspicabile e obbligatoria proprio per rispetto del grande impegno di queste giovani ragazze, delle loro famiglie e delle loro allenatrici sembra adeguata solo in troppo poche regioni italiane. Così il movimento sincro italiano più che crescere genera in se stesso troppe e sterili polemiche. Il GUG nazionale dovrebbe in qualche modo intervenire ma, siamo coscienti, le risorse disponibili sono scarsissime e non nulle. Almeno a medio termine questa sarà la situazione e poco si potrà fare, purtroppo.

 

Di conseguenza dove il movimento sincro agonistico è più diffuso, e guarda caso dove risiedono le solite società blasonate note a tutti, la qualità di giudizio dei giudici anche a livello regionale è veramente apprezzabile ma nelle altre regioni, ad eccezione del Piemonte, emerge una eccessiva disponibilità "a chiudere un occhio" pur di tenere in agonismo atlete che non lo meriterebbero (ben inteso da un punto di vista agonistico...).
Il rischio "storico" (in quanto sono anni che sentiamo sui bordi vasca regionali queste obiezioni...) è che nelle regioni con maggiore diffusione del sincro risulterebbero fuori gara atlete giudicate non sufficienti che in altre regioni avrebbero acquisito il punteggio di qualificazione senza problemi. E naturalmente viceversa: nelle regioni con minor diffusione del sincro, atlete risultati più che sufficienti a livello regionale, risultano poi appena sufficienti a livello nazionale.

 

Prendiamo atto e segnaliamo che le differenze in negativo si sono limitate a poco più di 200 atlete (la più emblematica è quella di Maria Antonietta Buccheri che, seppur 2^, cala di qualità tecnica tra regione e nazionale di ben pt 4,500) e che ben 150 risultano concentrate dalla 200^ classificata in poi (pt 59,179): deduciamo che una "generosità" regionale sia stata maggiormente diffusa in atlete dove la qualità tecnica risultava sufficiente (indicazione riportata in base alle valutazioni FINA e non nostre)  a livello regionale ma i giudici regionali non hanno voluto essere eccessivamente selettivi.

 

D'altra parte solo 37 atlete non hanno raggiunto nel campionato nazionale il punteggio di qualificazione richiesto (pt 51,000) e questo significa che il brevetto Stelline assicura almeno una minima appena sufficiente base di partenza nel mondo sincro agonistico.

 

 

 

Per fare una oggettiva analisi di un campionato nazionale bisogna procedere a vari livelli, dal più "generale" al più "particolare".

I vari livelli che procederemo ad analizzare sono i seguenti:

  1. Analisi comparata numero società partecipanti

  2. Analisi comparata ripartizione per anno e qualificazione (o meno...) atlete partecipanti

  3. Qualità tecnica comparata atlete partecipanti

  4. Qualità tecnica comparata migliori atlete in classifica finale

 

LIVELLO 1 e 2

 

Per una vostra personale analisi del quadro visto in acqua in questo campionato primaverile, riportiamo di seguito una tabella da noi elaborata.

 

LEGENDA: in sfondo verdino le società partecipanti lo scorso anno e NON più partecipanti quest'anno,
              in sfondo azzurro le nuove società di quest'anno
             

 

  Anno corrente primaverili       Anno scorso primaverili
Regione Qualificate   Non qualificate   Tot       Qualificate   Non qualificate   Tot
        Società '98 '99 '00 '01 Tot '98 '99 '00 '01 Tot         '97 '98 '99 '00 Tot '97 '98 '99 '00 '01 Tot  
LAZIO 16 21 23   60 4 9 10   23 83       20 15 16 4 55 2 3 7     12 67
AREA SPORTING CLUB ASD 4 4 4   12   1 1   2 14       2 2 2 2 8   1 1     2 10
ALL SWIM ASD 4 5 3   12   1     1 13       4 3 2   9           0 9
OLGIATA 20.12 SSD 4 4 5   13           13       3 5 4 2 14           0 14
AURELIA NUOTO ASD 1 3 6   10     3   3 13       8 3 3   14           0 14
POL. TIME OUT SSD   3 1   4 3 2 1   6 10       1   1   2   2 1     3 5
ALL ROUND ASD   (**) 1 2 4   7   1 1   2 9         1 4   5 1   3     4 9
CAMPUS PRIMAVERA ASD 1       1   2 2   4 5         1     1 1   1     2 3
CONSORZIO LE CUPOLE SSD         -   1 2   3 3               -           - -
VILLA YORK SPORTING CLUB SSD 1       1   1     1 2               -           - -
VILLAGE SSD srl         - 1       1 1               -           - -
NUOTO NAUTILUS         -         -

-

      2       2     1     1 3
LOMBARDIA 15 26 22 2 65 1 3 8   12 77       27 16 27 1 71   2 2 1   5 76
SINCRO SEREGNO ASD 1 5 6   12     2   2 14       5 1 5 1 12       1   1 13
BUSTO NUOTO ASD 5 3 6   14         - 14       3 6 4   13           - 13
SPORT MANAGEMENT LOM ASD 4 4 3   11   1 1   2 13       7 2 4   13           - 13
R.N. LEGNANO ASD 2 8 2   12         - 12       4 3 7   14           - 14
NORD PADANIA N ASD 1 5 2 2 10         - 10       1 1 1   3           - 3
COMO NUOTO ASD 1 1 1   3   1 4   5 8       5 1     6     1     1 7
GARBAGNATE NUOTO SSD 1   2   3 1       1 4       2 2     4   1       1 5
INSUBRIKA NUOTO SSD srl         -   1 1   2 2               -           -

-

DDS         -         - -           6   6           - 6
BERGAMO NUOTO         -         - -               -   1 1     2 2
VENETO 16 14 17   47 1 5 10 2 18 65       15 17 14 3 49 2 5 9     16 65
C.S. PLEBISCITO PADOVA ASD 6 3 4   13   1     1 14       4 5 3   12   1 1     2 14
MONTEBELLUNA NUOTO ASD 3 4 5   12     2   2 14       5 3 4   12     2     2 14
FUMANE NUOTO ASD 1 4 3   8   2 1 1 4 12       2 2 3   7   1 3     4 11
POL. TERRAGLIO ASD 1 2 3   6   2 1 1 4 10       2 2 3 2 9     3     3 12
NUOTO VICENZA LIBERTAS ASD 3 1 1   5     5   5 10       2 2   1 5   1       1 6
GABBIANO SRL SSD 2   1   3         - 3         2     2           - 2
SPORT MANAGEMENT SRL SSD         - 1   1   2 2         1 1   2 2 2       4 6
TOSCANA 10 9 7 1 27 4 9 9 1 23 50       4 9 7 2 22 1 4 4     9 31
FUTURA CLUB I CAVALIERI SSD 2 3 4 1 10   1 3   4 14       4 2   2 8     1     1 9
TEAM NUOTO TOSCANA EMPOLI ASD 2   3   5   1 1 1 3 8         1     1 1         1 2
PALLANUOTO LIVORNO ASD 3 2     5 2       2 7         3 2   5           - 5
POL. OLIMPIA ASD 1       1   2 2   4 5         1     1   2 1     3 4
R.N. FLORENTIA ASD 1       1 1 1 2   4 5               -   1       1 1
AZZURRA NUOTO PRATO ASD   3     3     1   1 4           4   4     1     1 5
AQUATICA SSD arl 1 1     2 1 1     2 4         2 1   3   1 1     2 5
NUOTO VIAREGGIO ASD         -   3     3 3               -           -

-

LIGURIA 7 17 7 2 33 1 5 6 1 13 46       9 5 10 2 26 1 3 10 2   16 42
R.N. SAVONA SSD 3 8 2   13   1     1 14       2 3 6   11     2     2 13
R.N. BOGLIASCO ASD 2 4 1 1 8   2 3 1 6 14       1 1 1   3   1 3 1   5 8
CHIAVARI NUOTO ASD   3 1 1 5   2 1   3 8       5   2 1 8     3     3 11
POL. ANPI MOLASSANA 2000 ASD 2 2 2   6 1       1 7       1 1 1 1 4 1 2 2 1   6 10
R.N. SAVONA E NUOT.SAVONESI     1   1     2   2 3               -           -

-

SICILIA 7 5 7   19 1 2 6   9 28       5 8 4   17 1 2 4     7 24
POL.DIL. MURI ANTICHI     7   7     5   5 12               -     1     1 1
SYNCRO MED MURIANTICHI ASD 5 5     10         - 10       2 6 4   12     2     2 14
IRON TEAM PALERMO ASD 2       2 1 2 1   4 6       3 2     5   1 1     2 7
POL. ZENION         -         - -               - 1         1 1
CATANIA SINCRO         -         - -               -   1       1 1
EMILIA ROMAGNA 4 8 3   15 3 5 4 1 13 28       9 5 4   18 1 2 7     10 28
CN UISP BOLOGNA 3 4     7   2   1 3 10       2 3 2   7     3     3 10
GENS AQUATICA 1 2 3   6     3   3 9       7 1 2   10           - 10
ACCADUEO ASD   1     1 3 1     4 5         1     1 1 2 2     5 6
BONDENO NUOTO ASD   1     1   1     1 2               -     1     1 1
CENTRO NUOTO COPPARO SSD         -   1 1   2 2               -     1     1 1
PIEMONTE 2 8 2   12 3 5 3 1 12 24       3 3 4 2 12 6 5 6 1 1 19 31
AQUATICA TORINO SSD 1 4 1   6   2 1   3 9       1 2 1 1 5   1 1     2 7
AQUAFITNESS SSD   3 1   4   2 1 1 4 8             1 1 2   3   1 6 7
SWIMMING CLUB ALESSANDRIA ASD 1 1     2 2 1 1   4 6       1   1   2 1 4   1   6 8
LIB. DUE VALLI ASD         - 1       1 1               - 1         1 1
TEAM 63         -         - -       1 1 2   4     2     2 6
LIBERTAS NUOTO NOVARA         -         - -               - 2         2 2
ABRUZZO 1 3     4 2 6 5 1 14 18       4 3 2   9 3 2 3     8 17
S.FRANCESCO M.SPORT NUOTO ASD 1 2     3 1 5 2 1 9 12       2 1 1   4 3 1 2     6 10
AVEZZANO NUOTO SSD         - 1   1   2 2       1       1           - 1
TEATE SPLASHING ASD   1     1     1   1 2               -           -

-

SIMPLY SPORT ASD         -   1 1   2 2       1 2 1   4   1 1     2 6
SARDEGNA 1 5 1   7 2 2 5   9 16       4 1 4 1 10 3   1     4 14
RN CAGLIARI ASD 1 2     3 1 1 5   7 10       2 1 2   5 3         3 8
PROMOGEST SCD   3 1   4 1 1     2 6       2   2 1 5     1     1 6
MARCHE 3 4 1   8 1 1 3   5 13       2 3 3 1 9 2 1 1 1   5 14
PESARO NUOTO TEAM ASD 3 3 1   7     1   1 8       2 3 3 1 9       1   1 10
TEAM MARCHE CIS SSD   1     1 1 1 2   4 5               - 2 1 1     4 4
PUGLIA 2 1     3 3 2 3   8 11         2     2 6 4 3     13 15
WATERPOLO BARI ASD 1       1 2 1 3   6 7               -           -

-

G.P. MODUGNO SSD srl 1 1     2 1 1     2 4               -   2 2     4 4
AQUA 2000         -         - -         2     2 1 2 1     4 6
AS.SO.RI         -         - -               - 4         4 4
FIMCO SPORT         -         - -               - 1         1 1
FRIULI VG         - 1 3 1   5 5               -   2 2     4 4
U.N.FRIULI ASD         - 1 2     3 3               -   2 2     4 4
GORIZIA NUOTO ASD         -   1 1   2 2               -           -

-

Totale complessivo 84 121 90 5 300 27 57 73 7 164 464       102 87 95 16 300 28 35 59 5 1 128 428

 

(**) questa società è un "ulteriore supporto" alla soc All Swim

 

Da questa tabella sintetica abbiamo estrapolato le seguenti considerazioni:

 

1) le società partecipanti si decrementano di 3 unità (nuove 7 società, non più oggi presenti 10 società), ritornando di fatto ai numeri di 2 anni fa. Complessivamente sono 62 le società che hanno partecipato a questi primaverili di cui solo 51 hanno qualificato almeno 1 atleta agli estivi. Se si tiene conto che ben 20 società hanno qualificato agli estivi solo 1, 2 o 3 atlete (insomma per loro i campionati estivi sono solo una partecipazione "sporadica"), agli estivi parteciperanno con una qualche significatività non più di 35 società.

 

2) Nessuna regione in più rispetto l'anno scorso. Complessivamente sono 13 le regioni iscritte quest'anno tramite società sportive sul loro territorio di competenza.

 

3) Il numero di partecipanti si incrementa complessivamente di 36 atlete (+8% rispetto lo scorso anno) ma le atlete dell'ultimo anno ragazze diminuiscono da 130 a sole 111 (-15%).
Questo è un dato negativo molto evidente che dovrebbe far riflettere tutti gli attori del mondo sincro italiano: l'ultimo anno cat ragazze dovrebbe essere quello dove una sincronetta dovrebbe avere il suo maggior entusiasmo dato che è la sua occasione per mettersi in mostra dopo ben 3 anni di allenamenti prevalentemente in obbligatori e pochi balletti squadra e/o combo (tralasciamo qui le sempre stesse che sono scelte dalle allenatrici ad eseguire i solo e duo dato che sono proprio un manipolo in Italia). E invece, prendiamo atto, è proprio l'anno in cui moltissime si dicono "ma chi ce l'ho fa fare, a 14 anni, a farci un mazzo nei quotidiani allenamenti se poi tutto si brucia in pochi minuti-secondi in un oblio di qualità tecnica poco più che sufficiente?". Ciao ciao quindi sincro italiano ed è meglio divertirsi in discoteca o in compagnia con un simpatico ragazzo e/o migliorare nella riuscita degli studi scolastici: non vi sembra un ragionamento logico e normale? Certo! ma così il sincro italiano non va da nessuna parte nel mondo ma soprattutto lo farà sempre di più diventare uno sport di elite dove le discussioni sterili di appassionati e interessati saranno sempre concentrate sulle poche papabili nazionali. Un olimpo di carta tuttavia dato che anche in questo contesto di elite la qualità tecnica, come riscontriamo da anni in gare internazionali, non ci fa scardinare dal vituperato e odiato 7^ ranking mondiale, quando ci va bene....

 

4) Al saluto di 130 atlete anno nascita 97 si sostituiscono 142 atlete anno nascita 00

 

5) Il movimento sincro nelle regioni Lazio e Toscana appare essere in piena espansione mentre risulta stabile nelle altre regioni. L'espansione della regione Lazio ha portato al secondo posto, dopo diversi anni, la regione Lombardia come numero di atlete partecipanti ai primaverili; la Lombardia tuttavia riconferma la prima posizione come numero di atlete qualificate agli estivi.

 

6) le regioni Lazio, Lombardia e Veneto mantengono inalterato il peso percentuale delle loro atlete partecipanti sul totale, circa il 48% seppur in presenza di un incremento complessivo di partecipanti del 8% (e questo dato dovrebbe far riflettere tutti con grandissima attenzione...)

 

7) sono state 164 le atlete escluse dalla qualificazione agli estivi pari al 35% delle partecipanti, ma presumibilmente almeno la metà di loro potranno facilmente far parte delle "fuori quota" previste dal Regolamento.

                     
 

LIVELLO 3   "qualità tecnica comparata atlete partecipanti"

 

Delle 62 società partecipanti (65 scorso anno) solo 51 alla fine hanno qualificato loro atlete agli estivi. Salutiamo quindi 11 società (14 anno scorso) rappresentate da 23 atlete (28 anno scorso) che non sono riuscite a qualificare nessuna loro rappresentante agli estivi. Purtroppo, come lo scorso anno, la distribuzione geografica di queste ultime società ha determinato un innalzamento della concentrazione delle atlete con maggiore qualità tecnica nelle regioni Lombardia, Lazio e Veneto, passando da circa il 48% delle partecipanti al 57% delle qualificate.
A queste regioni è d'obbligo unire, come negli ultimi anni, due società RN Savona e Syncro Med Muri Antichi che riescono a concentrare soprattutto su di loro una scuola sincro di alta qualità tecnica nelle loro rispettive regioni. Si riconferma anche in questa categoria una similare fotografia geografica già pubblicata per la categoria Esordienti A.

Con piacere segnaliamo che due scuole sincro stanno confermandosi di buona qualità tecnica aggiungendosi alle storiche scuole sincro oramai conosciute da tutti, una in Toscana, Futura Club I Cavalieri (ex Futura Nuoto Prato), ed una nelle Marche, Pesaro Nuoto Team, dove almeno loro rispettive 3 atlete hanno conquistato posizioni alte in classifica finale. L'allargamento geografico di un buon livello tecnico è un obiettivo primario per il mondo sincro italiano che ha sempre più bisogno di molte più allenatrici ben tecnicamente formate e ben capaci nel trasferire alle loro atlete i loro preziosi insegnamenti tecnici.

Ribadiamo, come negli scorsi due anni, che le scuole sincro con allenatrici sufficientemente preparate tecnicamente ed un numero abbastanza ampio di atlete per poter fare selezione di qualità siano ancora troppo concentrate in aree geografiche limitate, le stesse degli anni precedenti. Da un lato questa situazione di fatto può essere letta come un punto positivo per il mondo sincro italiano ma dall'altro questa situazione di stallo di sviluppo geografico fa comprendere bene, a chi risiede in zone lontane dalle società con tecnici più formati, la logica difficoltà a ottimizzare il potenziale di giovani atlete/figlie che dimostrano una naturale elevata acquaticità.

16 società (anno scorso 17) sono riuscite a qualificare agli estivi un numero equivalente o superiore a 8 atlete, numero ottimale per presentare un programma libero squadra ed altre 4 (scorso anno 2) società potranno contare su 7 atlete. La concorrenza sarà quindi molto elevata tra le società ai prossimi campionati estivi per l'esercizio squadra ed il libero combinato. C'è tuttavia da sottolineare che 5 società abbiano alcune chance in più delle altre concorrenti per la conquista del podio finale. Perché?

Lo scorso anno RN Legnano e Sport Management Lombardia riuscirono a qualificare ben loro 5 atlete nelle prime 50 posizioni. Quest'anno nessuna società è riuscita in questa impresa, per cui la concorrenza sarà più agguerrita. Con 4 atlete risultano RN Legnano, Synchro Med Muriantichi, RN Savona, Plebiscito Padova e Montebelluna (anno scorso Montebelluna, Busto, Plebiscito Padova e Seregno). Le allenatrici di queste società saranno le uniche che potranno permettersi, se vorranno, di inserire nei loro esercizi liberi pezzi di esercizi obbligatori con coefficienti di difficoltà più elevati delle dirette concorrenti e questo i giudici, che riconoscono facilmente queste specificità, non potranno non tenerne conto.

Naturalmente è proprio su atlete di queste società che, probabilmente, si concentrerà la tenzone, a livello di podio, anche per gli esercizi liberi Solo e Duo in programma agli estivi.

E' giunto ora il momento di analizzare come si sono comportate complessivamente le atlete in gara da un punto di vista tecnico.

Vediamo quale sia la situazione tecnica concreta evidenziata dalle atlete italiane negli ultimi anni nella categoria Ragazze. Ecco di seguito una chiara ed interessante tabella sintetica che riporta i risultati dei campionati italiani primaverili della categoria dal 2008 ad oggi:

prim

prim

prim

prim

prim

prim

Fasce voto

2013

2012

2011

2010

2009

2008

70,000 > x < 1^

2

1

14

12

3

2

65,000 > x < 69,999

36

39

75

51

35

27

60,000 > x < 64,999

131

134

135

120

78

73

55,000 > x < 59,999

170

150

104

109

130

125

50,000 > x < 54,999

98

80

40

52

98

88

45,000 > x < 49,999

23

19

8

14

23

43

40,000 > x < 44,999

1

4

2

5

5

21

35,000 > x < 39,999

1

1

-

4

1

4

25,000 > x < 34,999

2

-

-

-

-

3

Totale atlete part.

464

428

378

367

373

386

limite qualificazione

51

51

50

50

50

50

 

Dall'anno scorso la Categoria Ragazze rientra totalmente nell'ambito dell'ottenimento del brevetto Stelline. Lo scopo dichiarato di questo brevetto è "quello di assicurare un buon livello tecnico a tutte le nuotatrici, fornendo una chiara linea direttiva e uniformando i criteri di insegnamento dei fondamentali tecnici di base". Questa "assicurazione" dovrebbe a questo punto esprimersi, di fatto, in un innalzamento nelle valutazioni degli esercizi obbligatori da parte dei giudici nelle gare agonistiche di sincro, soprattutto nei campionati nazionali primaverili.

In effetti il punteggio limite di qualificazione agli estivi si è leggermente innalzato a punti 56,183 contro punti punti 55,833 (300° classificate), mentre 2 anni fa era stato punti 59,199 (250° classificata). In sostanza non ci siamo ancora in termini di qualità tecnica: abbiamo sì ampliato il numero di atlete agli estivi ma la qualità tecnica è ancora molto/troppo più bassa di 2 anni fa.

Dobbiamo obbligatoriamente essere obiettivi: nella categoria ragazze si incomincia a competere anche a livello internazionale con la Coppa Comen e le comparazioni non possono essere solo nazionali ma anche internazionali. Solo 39 atlete italiane nella fascia "più che Discreta" non sono buoni risultati a livello internazionale. Per poter dire di stare seminando bene a livello internazionale dovremmo raggiungere sistematicamente lo stesso numero di atlete ogni anno nella fascia superiore "Buona".

Deducete voi dove si può andare così a medio termine: atlete di discreta qualità saranno sempre disponibili per le nostre selezionatrici nazionali ma se nelle singole società le allenatrici non si daranno più da fare e/o non saranno meglio formate (con il supporto finanziario dei loro dirigenti) per far nascere nuove atlete di migliore qualità tecnica anche le nostre selezionatrici nazionali non potranno fare miracoli.

In ogni caso rimane confermata da diversi anni la molto evidente concentrazione del numero di atlete nella fascia voto da 5.0 a 5.9, pari ad una valutazione di "sufficiente" per le tabelle di valutazione ufficiali FINA e FIN per gli obbligatori, e nella fascia bassa "discreto" che va da 6.0 a 6.5. E' preoccupante che nella fascia alta "discreto" il numero di atlete si sia continuato a comprimere rispetto all'anno scorso approssimandosi a valori del 2009. Vuol dire che le scuole sincro societarie riescono negli ultimi anni ad aumentare il numero di atlete di questa categoria tecnicamente "sufficienti" ma fanno tantissima fatica a sostenere e sviluppare un maggior numero di atlete con livelli tecnici più competitivi a livello internazionale, dove il limite minimo di partenza dovrebbe essere "buono" (da punti 70,000 in su...) per le atlete di questa categoria.

Dobbiamo prendere purtroppo atto che la fascia superiore, quella valutata come "buono" rimane riservata da molti anni a un numero di atlete molto piccolo che quest'anno, fra l'altro, è stato raggiunto da solo 2 atlete per un pelo.

LIVELLO 4   "Qualità tecnica comparata migliori atlete in classifica finale"

Lo scorso anno avevamo segnalato che nelle allora prime 25 posizioni in classifica furono 5 le atlete appartenenti all'anno di nascita 98, 2^ anno Ragazze, ed 3 addirittura all'anno 99. La prima di queste 8 atlete fu Claudia Modaelli, anno 99.

Dato che lo scorso anno Claudia Modaelli arrivò 8^ in classifica era quindi prevedibile la sua effettiva vittoria raggiunta sul campo quest'anno, ma non poteva essere certo scontata la sua vittoria visto che da anni Maria Antonietta Buccheri, di un anno più esperta, anno nascita 98, (scorso anno ai primaverili 13^) ha dimostrato sul campo di possedere le stesse capacità tecniche.

Riscontrare nelle prime 25 posizioni ben 6 appartenenti all'anno nascita 99, 2^ anno Ragazze, e 4 appartenenti all'anno '00 non va ad onore delle allenatrici. Possibile che un anno di esperienza in più non ha fatto crescere tecnicamente in proporzione molte più atlete dell'ultimo anno ragazze? Sembra che i risultati sul campo si ottengano più per doti naturali fisiche e psicologiche di singole atlete che per merito di una particolare cura nella crescita tecnica delle sincronette italiane guidata con maestria da parte delle loro rispettive allenatrici in società.

Come più volte vi abbiamo insegnato, nel mondo sincro non si può fare conclusioni sulla qualità di una atleta in una sola gara ma su una evoluzione di una serie di gare certamente sì. E quindi vi riportiamo di seguito l'evoluzione negli ultimi 4 anni delle migliori 25 atlete in quest'ultimo campionato primaverile.

Vi segnaliamo in sfondo giallo le atlete anno 00, primo anno Rag e in sfondo arancione le atlete anno 99, secondo anno Rag.

Nelle prime 10 classificate rileviamo che solo 5 di loro hanno migliorato significativamente rispetto ai loro personali risultati negli ultimi campionati estivi, e fra loro nessuna delle due prime classificate che sostanzialmente si riconfermano al medesimo livello tecnico. Questo vuol dire, e noi lo sappiamo da anni, che le scuole sincro societarie, da sole, non hanno il tempo né la possibilità di dedicarsi prevalentemente alla crescita tecnica delle loro atlete con maggior potenziale dato che i loro obiettivi, giustamente, sono anche e soprattutto collegati alla crescita di un "gruppo" di atlete per fascia di età (altrimenti il nuoto sincronizzato diventa monotono e demotivante per qualsiasi atleta vista la loro giovane età) anche per coprire i loro costi di gestione (costo acqua e costo allenatrici).

Se si vuole ottenere dei "grandi progressi" a medio termine la FIN Centrale ha preso atto già da un paio di anni di "integrare" le risorse societarie locali con il suo supporto, con il progetto "giovani promesse" e/o con più frequenti collegiali per queste giovani atlete.

Queste giovani atlete avranno l'occasione anche di confrontarsi con insegnanti/allenatrici diverse dalle proprie in un contesto diverso da quello in cui sono cresciute. Sono certamente elementi destabilizzanti per atlete così giovani (molte volte potrebbe essere la prima volta che si allontanano dalle loro rispettive famiglie e società) ma molto molto formativi: quelle atlete che riusciranno, per carattere e determinazione proprie, a superare i limiti geografici naturali della loro crescita sportiva e familiare precedente, potranno veramente diventare di grande valore aggiunto al sincro italiano a medio termine.

Comprendiamo che sono frasi "dure" per le società e le famiglie ma questo è il sincro AGONISTICO. Competitivo per definizione e quindi noi tutti ci auguriamo che le prossime olimpiadi ci vedranno indiscutibilmente protagonisti e non spettatori. Seguendo la strada attuale non potremo mai aprire con fiducia e speranza questa porta, che, purtroppo, per ora è rimasta chiusa alle nostre attuali brave assolute.

Una sincronetta di qualità internazionale NON PUO' OGGI essere soltanto una brava atleta tecnica ma deve avere SOPRATTUTTO tecnica (molto tecnica...) ma anche possedere carattere ed essere socievole ("accettata") con le altre compagne selezionate... in sostanza UNA SQUADRA AFFIATATA con grandissima tecnica di base (e far andare all'unisono e sempre d'accordo ben 12 donne non è facile per nessuno...)

        Prim 13 Anno 12 Anno 11 Anno 10 Anno 09
Atleta An Società Regione pos punti pos est pos prim est prim est prim est prim
Modaelli Claudia '99 R.N. LEGNANO ASD LOMBARDIA 1 71,980 4 70,563 8 68,738 62,468 66,420 54,027 62,964 ND ND
Buccheri Maria Antonietta '98 SYNCRO MED MURIANTICHI ASD SICILIA 2 70,171 8 69,536 13 67,813 65,583 66,302 59,962 62,961 61,026 62,614
Redaelli Ludovica '98 R.N. LEGNANO ASD LOMBARDIA 3 69,464 48 65,520 9 68,551 64,464 64,579 62,066 59,493 47,917 54,355
Baldi Raffaella '99 ALL SWIM ASD LAZIO 4 69,437 13 68,206 12 68,024 63,947 65,798 64,288 65,355 ND ND
Actis Dato Francesca '98 ALL SWIM ASD LAZIO 5 68,536 69 64,289 177 59,881 58,174 64,012 60,087 57,084 44,184 48,005
Baldini Federica '98 AURELIA NUOTO ASD LAZIO 6 68,171 39 65,830 54 64,405 61,199 60,364 57,180 60,244 47,346 51,192
Castracane Michela '98 AREA SPORTING CLUB ASD LAZIO 7 67,905 41 65,806 46 64,898 59,837 64,398 59,834 61,000 ND ND
Bortolus Alice '99 SPORT MANAGEMENT LOM ASD LOMBARDIA 8 67,691 71 64,017 47 64,896 58,517 65,509 54,767 59,160 ND ND
Grassi Livia '98 AREA SPORTING CLUB ASD LAZIO 9 67,659 33 66,183 42 64,985 62,810 63,602 60,188 57,480 52,434 48,378
Amadei Beatrice '98 NORD PADANIA N ASD LOMBARDIA 10 67,587 23 67,056 30 66,015 64,690 65,913 61,547 65,614 60,509 60,442
Gallo Veronica '98 C.S. PLEBISCITO PADOVA ASD VENETO 11 67,504 80 63,706 87 63,214 ND 56,012 61,679 55,480 ND 46,176
Anselmi Silvia '98 BUSTO NUOTO ASD LOMBARDIA 12 67,246 15 68,079 19 67,107 62,544 65,410 64,653 65,836 56,399 58,886
Luongo Federica Alessia '98 BUSTO NUOTO ASD LOMBARDIA 13 67,210 32 66,298 52 64,464 64,786 65,869 54,636 54,529 ND 43,992
Abate Giulia '98 SYNCRO MED MURIANTICHI ASD SICILIA 14 67,179 59 64,750 28 66,151 63,099 63,361 62,407 61,560 48,557 54,036
D'alessandro Jenny '98 MONTEBELLUNA NUOTO ASD VENETO 15 67,040 11 68,350 18 67,520 65,690 69,031 64,547 63,179 60,211 60,049
Sportelli Isotta '00 OLGIATA 20.12 SSD LAZIO 16 66,956 83 63,515 102 62,699 61,917 63,741 ND ND ND ND
Tregambe Ludovica '99 R.N. SAVONA SSD LIGURIA 17 66,893 49 65,492 80 63,507 60,687 63,635 54,539 56,067 ND ND
Murru Marta '00 R.N. SAVONA SSD LIGURIA 18 66,810 212 58,345 200 59,429 52,996 54,842 ND ND ND ND
Mazza Aurora '98 R.N. LEGNANO ASD LOMBARDIA